Ormai lo sapete, sono ossessionata dal look che ho soprannominato ” da francese sporcacciona”. Spero nessuna si offenda, non sto insultando, anzi! Si tratta di un modo di vestirsi tipicamente francese, dove la ragazza in questione è sempre fintamente spettinata, fintamente struccata, fintamente gina, salvo poi rivelare un pochino di pelle (mai in modo volgare), un dettaglio sexy (che può essere banalmente un reggiseno in pizzo che si intravede dalla scollatura), qualcosa di elegante e raffinato. La francese sporcacciona non si presenta mai con minigonna inguinale e stivalata. Se scopre le gambe mette un top accollato e viceversa. Indossa maglioni con profondi scolli a V con sotto canottiere di seta e pizzo, jeans super casual ma che fasciano nei punti giusti, se ha il tacco il look non è mai troppo da sera, per non intimidire nessuno. É rassicurante ma sensuale, elegante ma allo stesso tempo adatta a tutte le situazioni.

A Parigi le francesi sporcaccione sono ovunque, è un modo di vestirsi molto comune, e su Instagram altrettanto (anche se spesso si tratta di pose, tentativi di imitare la tipica nonchalance francese)! Eccone alcune (se qualcuna di queste ragazze dovesse vedere questo articolo, magari traducendolo su google, spero vivamente mi scriva per chiedermi spiegazioni, e poi hai voglia a raccontare che non è assolutamente un insulto, anzi! >.<):

 

Jeanne Damas

jeanne jeannedamas2

La francesina per eccellenza, Jeanne Damas si è fatta conoscere su Instagram ormai anni fa per il suo stile alla Brigitte Bardot: cestini di paglia, vestitini leggeri, jeans dritti e in tele naturali, look vagamente anni 70… a volte è un po’ troppo bella contadinella ma il suo stile piace tanto e la linea di abbigliamento che ha fondato, Rouje, va alla grande. Forse perché i suoi look potrebbero stare bene un po’ a tutte? Un jeans e un maglioncino è quello che indossa piu spesso.

AnneLaure Mais

adenorah adenorah2

Sulla falsariga di Jeanne Damas c’è Anne Laure, anche lei carina e casual, e anche lei fondatrice di una linea di abbigliamento, Musier (se notate delle similitudini con Rouje non avete le traveggole).

 

 

SABINA SOCOL

Non vorrei ripetermi ma è lo stile di queste ragazze che è molto simile! Anche Sabrina indossa piccoli top, Levi’s vintage, maglioncini e colori mai troppo forti.

JULIESFI

Leggermente più sexy questa ragazza di Ajaccio, con lunghe gambe e tanti abitini a fiori. Lo stile però è sempre quello, fresco, carino e che sembra non contemplare la stagione invernale!

 

Taggato in: , ,

6 Commenti

MOSTRA I COMMENTI
  1. BENEDETTA

    22/06/2020 alle 8:25 AM

    Ciao Giulia,
    grazie per aver messo nero su bianco uno dei miei traumi adolescenziali. Alle medie la mia scuola fece un gemellaggio con una classe francese. Noi eravamo 13enni per bene, della Roma borghese, con le nostre camicette di Mongolfiera (negozio romano che faceva camice con collettoni, fantasia tartan e maniche a palloncino pre Miu-Miu, molto anni 80!!!) e loro, le francesi sporcaccione erano più grandi (le classi non corrispondevano), più disinibite e più fighe indubbiamente. Levi’s vintage, magliettine un po’ slabbrate di Naf Naf (!!!) e ovviamente Bensimon. Il mio incubo in particolare si chiamava Aurelie. Mamma mia che paura se ci penso…..

    Rispondi
  2. Latitante__

    20/06/2020 alle 11:39 AM

    Ciao Toro! Nonostante sia uno stile abbastanza versatile e il fast fashion abbia (in questa stagione in particolare) trasformato i suoi negozi in un paesino della Provenza, io lo trovo un pochino difficile da replicare senza sembrare una contadina. Noi fan accanite ci ricordiamo i tuoi date con maglione a V- pantalone ad hoc- stivaletto, ma quando ho provato io a replicarlo sembrava solo che mi fossi vestita al buio. Io personalmente team Michi-Susanna, ma grazie dell’articolo che attendevamo dai tempi di Tinder!!

    Rispondi
  3. Lavinia

    19/06/2020 alle 10:57 AM

    Ciao Giulia,
    io non le trovo particolarmente interessanti, c’è da dire che è uno stile che ha stufato, sono tutte uguali.
    La copia esatta da noi è Sarinski, che è di una banalità infinita.
    Anche se effettivamente per chi non ha un particolare senso estetico si può ritrovare facilmente in ciò che propongono.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *